Loading

Psicologia dei controlli visuali

Cappello giù per Ugo (che saluto 😉 ) per l’articolo scritto su Postilla: Usare foto shock per far prevenzione?

Le persone, per rispettare delle regole, devono essere coinvolte anche emotivamente. E le foto che ha pubblicato (attenzione, se siete deboli di stomaco, raccomando di non aprirle, è roba veramente tosta…), anche se crudeli, il messaggio emotivo lo trasmettono senza alcuna ombra di dubbio.

Nell’articolo Ugo dice:

Attenzione, questa macchina non ha il cervello, usa il tuo!

Come usare queste foto?

Oggi, da un mio cliente, dopo l’ennesimo infortunio (fortunatamente leggero) dovuto a uno smontaggio di protezioni e inserimento di mano su macchina in moto/che si stava arrestando, nonostante interventi di tutti i tipi (tecnici, formativi, informativi, sanzioni, ecc.) si è deciso di cambiare marcia: han deciso di esporre queste foto (plastificate singolarmente una ad una, non tutte insieme in quanto poi non arriva per bene il messaggio) su tutti i punti pericolosi delle macchine presenti in quanto il “vietato lubrificare organi in moto” e/o “vietato registrare organi in moto” non sono sufficienti – e quelle foto lì le capiscono tutti i lavoratori, senza bisogno di traduzioni di alcun genere!

I controlli visuali fatti in questo modo possono magari non essere adatti a tutti gli ambienti di lavoro e, probabilmente, molte persone si sentirebbero offese da esse, ma secondo me, negli ambienti dove gli infortuni accadono sempre, una foto di questo tipo al posto del solito cartellone “Fate attenzione!” potrebbe risultare molto più efficace…

Se si vuole instaurare la cultura di sicurezza in azienda, quello che conta di più è il comportamento delle persone e la tolleranza della leadership a quanto sia permesso fare.

Se poi si sposta verso una cultura lean della sicurezza, le cose non possono che migliorare…

Grazie Ugo ancora una volta per l’ispirazione, sei un mito!

Autore

Ciao, sono Dragan Bosnjak e sono qui per guidarti nella scoperta del mondo di lean thinking!

1 commento… add one
  • LeanLab Staff Feb 26, 2012, 7:35 pm

    Anche noi del LeanLab da tempo pensavamo qualcosa del genere ma senza immagini cruente (anche perché in aziende di grandi dimensioni non credo sia facile).

    Pensavamo da tempo ad una applicazione simile con personaggi famosi: Calciatori, Piloti, Cantanti, Modelli e Modelle.

    Immaginavamo un fumetto messo nella loro bocca con un messaggio di qualità, di sicurezza o di costi.

    Certamente non ha lo stesso effetto shock, ma abbinato ad una rotazione (magari mensile) dei cartelli potrebbe aiutare più di una semplice scritta.

    Ecco il link al nostro post:
    http://leanlabo.blogspot.com/2012/02/immagini-famose-per-il-visual.html

    LeanLab Staff.

Lascia un commento